Come prepararsi al CAPES di italiano 2019

Ciao a tutti!
In questo post vi aggiorno sui libri che ci servono per prepararci al meglio al concorso CAPES 2019.

Il CAPES è il concorso pubblico francese per diventare insegnanti nelle scuole secondarie. Se volete saperne di più su come diventare insegnanti di italiano in Francia, vi consiglio di leggere questo articolo.

Se anche voi state valutando l’idea di tentare questo concorso, vi suggerisco caldamente di iscrivervi alle préparations offerte dalle varie università francesi. Solo adesso che seguo un corso mi rendo conto di quanto sia difficile (se non impossibile) prepararsi da soli, a meno che non abbiate già esperienza di studi universitari in Francia o che siate perfettamente bilingui. Due anni fa provai un corso online (CNED) che vi sconsiglio perché lo trovai perfettamente inutile, oltre che una grande perdita di tempo e denaro.

Di seguito troverete la lista dei libri da studiare per preparare al meglio questo difficile concorso!

Libri utili alla preparazione (cliccate sui titoli dei libri per visualizzarli)

1- Letteratura

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

2. TRADUZIONE

mots-italiens

 

Per tradurre bene, dovete prima di tutto imparare più parole possibili.
Un grande classico per i francesi, in questo libro troverete delle liste di vocabolario ed espressioni idiomatiche divise per temi. Forse in questo momento vi sembra inutile sapere come si dice “rododendro” in francese, ma credetemi, il giorno del concorso sarete felici di averlo studiato.

 

 

pieges

Non inizio nemmeno a dirvi quanto sia complicato il francese con la sua ortografia irregolare e le parole che possono significare un milione di cose a seconda del contesto. Per evitare errori di controsenso (penalizzati tantissimo durante il concorso) o peggio barbarismi, ho trovato questo libro molto utile. Nonostante il titolo, non è un vero e proprio dizionario tascabile. Non troverete infatti tutte le parole, ma solo quelle che possono presentare problemi di ortografia, di resa, etc. e le difficoltà sono spiegate. Contiene anche delle tabelle di grammatica e coniugazioni per ripassare.

 

 

version-italienne

 

Ovviamente, per impratichirsi a tradurre, dovete farlo come se non ci fosse un domani! In questo libro trovate vari esempi di traduzioni, con le spiegazioni delle parole o espressioni che possono porre dei problemi, delle liste di parole utili, delle piccole schede con espressioni o particolarità del francese rispetto all’italiano, etc. Mi sto trovando molto bene sia con questo libro, sia con tutti gli altri simili a questo della stessa casa editrice.

 

Come sopra, ma questo libro include anche esercizi di traduzione dal francese all’italiano!

 

 

 

 

dictes

 

L’ortografia francese è così complicata che non solo gli studenti, ma anche i grandi si dilettano spesso in dettati. I dettati di Bernard Pivot sono un classico, qui trovate non solo i testi, ma le difficoltà spiegate, il che è molto utile per la traduzione. Se avete un amico francese che può leggervi i testi, ancora meglio!

 

 

 

 

kindleMi raccomando, leggete in francese il più possibile! Per quanto ci manchi sempre il tempo, cercare di allargare il vocabolario attraverso i nostri romanzi preferiti rimane il metodo più efficace e motivante per imparare bene il francese!

Personalmente sono una fan della carta stampata, ma sto scoprendo i piaceri del kindle per leggere in lingua straniera per un semplice ma fondamentale motivo: il dizionario!
Quando leggi un libro puoi cliccare su una parola che non conosci e ti appare in automatico la definizione. Inoltre (e questa è la parte più utile) puoi sottolineare virtualmente la suddetta parola per creare delle liste di nuovo vocabolario. Continuo a preferire la carta stampata, ma trovo utilissimi questi lettori per imparare una lingua.

Materiel Dys Set di 3 guide di lettura per persone con problemi di dislessia

 

 

 

Questi sono tutti i materiali che utilizzo per prepararmi al concorso CAPES. Come tutte le cose nella vita, solo la costanza porterà i risultati, quindi se volete seriamente superare il concorso dovreste impegnarvi con frequenza in uno o più di questi esercizi ogni giorno!

 

Spero che questo articolo vi sia stato utile e in bocca al lupo a tutti noi matti che tentiamo di superare questo difficilissimo concorso! 🙂

Se volete saperne di più sul concorso CAPES, date un’occhiata alla mia playlist apposita su YouTube!

6 Comment

  1. marina says: Rispondi

    Ciao! Ti auguro di farcela con questa nuova sessione. La determinazione e l’esperienza del concorso pagano, alcune persone lo vincono dopo svariati anni.
    Le statistiche dell’anno precedente sono abbastanza demotivanti, i dati per il capes pubblico d’italiano sono: 19 posti offerti, 796 iscritti, 346 che si sono effettivamente presentati alla prova scritta di admissibilité, 48 admissibles (chi ha superato lo scritto) et 19 admis (coloro che lo hanno vinto). Con una percentuale ammessi/presenti del 5,49% è il Capes più difficile tra tutte le discipline (incluse filosofia, histoire-géo). Fonte: http://www.devenirenseignant.gouv.fr/cid131473/donnees-statistiques-capes-2018.html
    Purtroppo i posti si riducono ogni anno (non se ne capisce bene la ragione, visto che l’italiano comunque va abbastanza bene nelle scuole francesi) e gli italiani qualificati in cerca di un lavoro sono sempre di più.
    Se è ancora aperto, potete anche prendere in considerazione l’iscrizione al Cafep externe, concorso per il privato paritario (stesso concorso, stessa giuria ecc, ma si va in una classifica diversa). Status molto simili, si è dipendenti del ministero, si hanno alcuni svantaggi (pochi se l’obiettivo è solamente insegnare) e diversi vantaggi (scelta della scuola e non trasferimento in base ai punti deciso dal ministero).
    Viste le condizioni del mestiere, che si degradano sempre di più, con prof che sono tra due o tre licei, non ancora titolari dopo anni e con incarichi assegnati qualche giorno prima del rientro a settembre o durante l’anno, vi invito a ragionare bene sul grande sforzo da compiere per passare il capes e sul rapporto tra questo e le condizioni che ne seguono. Si rischia di essere molto delusi.
    Se si inizia come contractuel nel privato si puo anche passare il concorso interno per diventare titolare, dopo 5 anni di servizio. Il capes interno è al momento chiuso per il pubblico.
    Insegno nel privato come titolare dopo aver vinto il concorso nel 2012. Non parlo bene del privato per principio o per invogliarvi ad andarci, ma vorrei solo contribuire ad aprire il dibattito, vista la grande selettività di questo concorso e la realtà del mestiere.

  2. claudia says: Rispondi

    grazie e mille per i consigli! la foto iniziale mi rappresenta perfettamente!!!
    Bonne chance!!!

  3. marina says: Rispondi

    Ciao!In bocca al lupo per questa nuova preparazione!
    Avevo lasciato un commento, ma ci sono stati problemi perché non è stato pubblicato…
    A presto e grazie per le tante info utili!

    1. Ciao Marina, grazie! Crepi! 😉

  4. Gionni says: Rispondi

    Ciao, che livello minimo di francese si dovrebbe avere secondo te per essere in grado di insegnare, ad esempio, storia in un liceo?

    Grazie 🙂

    1. Mmm direi almeno B2

Lascia un commento